L’imposta unica sulle scommesse è dovuta in ogni caso, anche quando l’operatore non è un concessionario autorizzato, ma solo per gli anni a partire dal 2011. E’ quanto ribadisce la Commissione Tributaria del Lazio. È dovuta l’imposta unica sui concorsi…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati

Articolo precedentePrevenzione Gap, all’Itsos di Fornovo (PR) la giornata conclusiva del progetto ‘Game Over Life’
Articolo successivoPuglia. Gioco d’azzardo. Galante (M5S) : “Il Pd si accorge che esiste l’azzardopatia. Ora lo spieghino anche all’assessore alla sanità”