Nell’ambito di un programma di iniziative e di attività di indagine svolto dalla Polizia Locale di Napoli e finalizzato al contrasto delle ludopatie, gli agenti della Unità Operativa San Lorenzo, coadiuvati da personale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, hanno effettuato l’ispezione di una sala scommesse sita in via Foria. In quei locali da gioco sono state rinvenute 9 slot machines in esercizio – regolarmente in funzione e collegate a siti esteri, anziché ai canali ufficiali del Monopolio di Stato – per le quali il titolare dell’attività non era in grado di riferire nulla circa la provenienza.

Le macchine da gioco, al cui interno è stata recuperata la somma di circa 5.000 euro, sono state immediatamente sottoposte a sequestro ed il responsabile è stato deferito all’Autorità Giudiziaria con denuncia in stato di libertà, dovendo rispondere di ricettazione per i dispositivi detenuti. A suo carico è stata applicata una sanzione pecuniaria di 77.000 euro per l’installazione e l’uso di congegni per il gioco d’azzardo ai sensi dell’art. 110 TULPS, nonché prodotta segnalazione all’Agenzia delle Entrate per il computo di quanto evaso.

Articolo precedenteGioco a distanza e scommesse, AsTro: fissata per il 3 ottobre la prossima riunione della Sezione Gads
Articolo successivoLotto e 10eLotto: ecco i top 10 numeri ritardatari e le vincite dell’1 ottobre