Le imprese che operano nella gestione delle slot e degli apparecchi da intrattenimento che non erogano vincite in denaro potrebbero essere esentate dall’applicazione degli Indici di affidabilità fiscale.

La Commissione degli esperti ISA, nel corso dell’ultima riunione, hanno approvato una serie di correttivi.

Gli interventi correttivi su cui si è espressa riguardano il solo periodo d’imposta 2021 e ripercorrono, in buona sostanza, quelli già decisi per lo scorso anno ovvero:

  • la modifica degli indicatori elementari di affidabilità definiti tramite “stime panel” (ricavi/compensi per addetto, valore aggiunto per addetto; reddito per addetto)
  • la modifica degli indicatori elementari di affidabilità e di anomalia definiti da “soglie economiche di riferimento” (durata delle scorte, analisi dell’apporto di lavoro delle figure non dipendenti, copertura delle spese per dipendente, eccetera).

La Commissione si è occupata anche dell’individuazione di due ulteriori cause di esclusione dall’applicazione degli Isa. Verranno esclusi dall’applicazione degli Isa anche i contribuenti che esercitano le attività economiche individuate in un apposito elenco (che sarà allegato alle istruzioni per la compilazione dei modelli Isa), identificate con i codici attività per i quali, in fase di analisi, è risultata verificata almeno una delle seguenti condizioni:

  • oltre metà dei contribuenti del settore Isa, tra quelli che hanno presentato le liquidazioni periodiche Iva, presenta una riduzione dell’ammontare delle operazioni attive del 2021 rispetto a quelle del 2019 superiore al 33%
  • oltre metà dei contribuenti del settore Isa, tra quelli che hanno trasmesso fatture elettroniche, presenta una riduzione dell’ammontare delle operazioni attive del 2021 rispetto a quelle del 2019 superiore al 33%.

Si tratta, nel complesso, di 29 codici attività appartenenti a 9 settori Isa.

Tra questi, in base alla documntazione prodotta dai tecnici ISA:

CG54U – Sale giochi e biliardi, gestione di apparecchi automatici da intrattenimento;

92.00.02 – Gestione di apparecchi che consentono vincite in denaro funzionanti a moneta o a gettone (limitatamente alla raccolta delle giocate per conto del concessionario mediante gli apparecchi per il gioco lecito con vincite in denaro di cui all’art. 110, comma 6 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (T.U.L.P.S.), di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, in veste di esercenti o possessori degli apparecchi medesimi);

93.29.30 – Gestione di apparecchi che non consentono vincite in denaro funzionanti a moneta o a gettone.

Va precisato che il parere della Commissione degli esperti in merito ai temi riguardanti gli Isa è da intendersi obbligatorio e non vincolante, quindi ogni correttivo dovrà essere necessariamente reso operativo attraverso la relativa approvazione, con decreto del ministro dell’Economia e delle Finanze, entro il 30 aprile prossimo.

Articolo precedentePer il COVID 7mila bar chiusi negli ultimi due anni. Lazio regione con più chiusure
Articolo successivoAssistenti vocali, come facilitano la vita domestica: le differenze tra Alexa e Google Home