Nell’ambito di una mirata e strategica attività di controllo degli esercizi pubblici nei quali viene svolta l’attività da gioco per mezzo degli apparecchi con vincita in denaro, VLT e New Slot, predisposta sull’intera provincia quale azione di prevenzione e contrasto al crescente fenomeno della ludopatia e di repressione del gioco illegale, nonché volta alla tutela dei minori ed alla sicurezza del gioco, personale della Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Treviso, ad epilogo di una attività svolta nel comuni della “Castellana”, ha proceduto alla contestazione di varie violazioni di natura amministrativa e penale nei confronti di una sala giochi di Castelfranco Veneto (TV).

L’attività ispettiva ha fatto emergere, nel caso specifico, l’irregolarità nella gestione della sala giochi la cui conduzione era stata illecitamente affidata a persone non autorizzate nella licenza di pubblica sicurezza rilasciata dal Questore di Treviso. Il titolare di licenza è stato deferito all’autorità giudiziaria per la responsabilità penale configurata a suo carico e sanzionato con diverse violazioni di natura amministrativa per un ammontare di circa 20.000 euro a seguito dell’inosservanza della legge regionale che prevede l’interdizione al pubblico del gioco in determinate fasce orarie.

È inoltre in corso la valutazione di provvedimenti sospensivi o interdittivi del titolo autorizzativo. Seguiranno ulteriori ed analoghe iniziative su tutta la provincia nei confronti di locali ed esercizi pubblici da gioco per poter attuare ogni efficace forma di prevenzione dell’illegalità in materia di giochi e scommesse.

Articolo precedenteConfcommercio su protocolli Covid: “Prorogare vigenza fino a riduzione contagi”
Articolo successivoMafie, Dia: scommesse e giochi online attività remunerative e a basso rschio