Il Tribunale Civile di Roma, con decreto a seguito di trattazione scritta, ha rigettato l’istanza di provvisoria esecuzione del decreto ingiuntivo per gli importi richiesti ad un gestore come quota parte dei 500 milioni della legge di Stabilità 2015.

L’avvocato Francesco Bertelli, difensore del gestore, commentando l’ordinanza ha dichiarato:

Gli aspetti interessanti sono principalmente due:

  • vengono messi in discussione i criteri di calcolo del debito a tale titolo addossato al gestore (che più o meno sono gli stessi per tutti i concessionari e traggono origine, in via diretta o mediata, dalla Determina AdM Prot. 4076/RU del 2015, che è stata protestata in giudizio come non idonea a tal fine);
  • l’Ordinanza è a firma del Presidente della XVII Sezione Civile del Tribunale di Roma, Sezione questa alla quale vengono spesso attribuiti i contenziosi in materia”.