Sono scattati in questi giorni i primi controlli straordinari sulle slot in ristoranti, bar e centri scommesse di Montecchio Maggiore, in provincia di Vicenza. Nel mirino degli uomini della polizia locale dei Castelli sono già finiti 14 esercizi con apparecchi da gioco, in 5 dei quali sono state accertate irregolarità, per un totale di 9.500 euro di sanzioni elevate. Secondo quanto appurato dagli agenti le slot erano accese e utilizzate dal pubblico al di fuori delle fasce orarie consentite dalla Legge Regionale n.38/2019 (dalle 7 alle 9, dalle 13 alle 15 e dalle 18 alle 20).

Anche nell’ottica dell’adesione dell’Amministrazione comunale alla recente campagna di prevenzione dell’Ulss 8 Berica “Io non mi gioco” per sensibilizzare la popolazione sui pericoli del gioco d’azzardo, i controlli a tappeto in tutto il territorio di Montecchio Maggiore proseguiranno anche nelle prossime settimane.

«La diffusione del gioco d’azzardo patologico è una vera e propria piaga sociale, un fenomeno che purtroppo è stato aggravato anche dalla pandemia – dice il sindaco di Montecchio Maggiore, Gianfranco Trapula –. Il nostro compito come Amministrazione è di proteggere i soggetti più esposti al rischio, anche attraverso questo tipo di operazioni della nostra Polizia locale, come anche di promuovere e diffondere una cultura della prevenzione».