I funzionari ADM dell’Ufficio Antifrode e Controlli della DT IV Lazio e Abruzzo e dell’Ufficio Controlli giochi della Direzione Giochi – in coordinamento con il GDL CP Operazioni – insieme al personale dell’Arma dei Carabinieri della locale Stazione hanno sottoposto a sequestro amministrativo, in un circolo privato, quattro apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro privi di titoli autorizzatori e non collegati alla rete telematica. E’ stato inoltre constatato che i numeri seriali delle apparecchiature di gioco erano non censiti sui sistemi anagrafici di ADM.

Attraverso la lettura dei contatori di gioco, utilizzando un particolare software in dotazione ai funzionari, è stato accertato un imponibile evaso che supera abbondantemente 1.300.000 euro e sequestrate circa 2000 euro in monete contenute negli apparecchi. I responsabili sono stati infine segnalati alla competente Procura della Repubblica.