La seconda sconfitta consecutiva in Champions League da parte della Juventus ha aperto una crisi che ha travolto in pieno Massimiliano Allegri (nella foto). Il tecnico bianconero è nell’occhio del ciclone per non aver dato un gioco alla squadra e per risultati, soprattutto in ambito europeo, molto al di sotto delle aspettative. Allegri ha ancora la fiducia della dirigenza che però, se non dovesse esserci una inversione netta e in tempi brevissimi, potrebbe iniziare a guardarsi intorno. Un indizio di questo momento di difficoltà del tecnico di Livorno è dato dal crollo della quota per il suo esonero che, in sole 24 ore, è passata da 7,50 a 3,25. Una caduta verticale, secondo gli esperti Sisal, che ha portato alla ribalta il grande sogno del popolo bianconero: Zinedine Zidane. L’allenatore francese, fermo da un anno e mezzo dopo la fine dell’avventura con il Real Madrid, è rimasto sempre legato alla Juventus con la quale ha giocato dal 1996 al 2001. L’approdo alla Continassa, in quota a 6,00, non è semplice ma Zizou rimane la prima alternativa ad Allegri.

Sempre all’estero non è da escludere la candidatura di Mauricio Pochettino. L’ex tecnico di Tottenham e PSG attende con pazienza un’avventura che lo possa rilanciare a livello europeo e la Juventus potrebbe essere l’occasione giusta: il tecnico di Murphy seduto sulla panchina bianconera è offerto a 7,50.

Tutti gli altri pretendenti a guidare Vlahovic e compagni sono in doppia cifra. Roberto De Zerbi è dato a 16, Thomas Tuchel e André Villas-Boas a 25 al pari del ritorno di un grande ex, quel Claudio Ranieri che ha allenato la Juventus dal 2007 al 2009.

Sisal ricorda sempre che il gioco è vietato ai minori e che bisogna giocare sempre con consapevolezza e moderazione.

Articolo precedenteGiochi. Morra (M5S): “Non cedere quote del mercato legale a criminalità mafiosa”
Articolo successivoScommesse Europa League: su StarCasinò Bet l’HJK Helsinki che espugna l’Olimpico paga 19,00