All’ordine del giorno del prossimo consiglio regionale della Valle d’Aosta, previsto per mercoledì 9 e giovedì 10 gennaio, inserita anche l’interpellanza a firma Luigi Vesan (primo firmatario) e Luciano Mossa (M5S) dal titolo “Applicazione della legge regionale 10/2018 riguardante misure di contrasto dell’azzardopatia”.

“VISTA l’entrata in vigore della L.R. 17 dicembre 2018, n. 10, relativa alle “Misure di prevenzione e di contrasto alla dipendenza dal gioco d’azzardo” che finalmente modifica le norme transitorie della L.R. 15 giugno 2015, n. 14, permettendo dal 1°gennaio 2019 l’applicazione dei divieti previsti, relativi agli spazi per il gioco d’azzardo all’interno degli esercizi pubblici e commerciali e dei circoli privati; RICORDATO l’impegno preso in Consiglio regionale da tutte le forze politiche sul contrasto dell’azzardopatia, confluito nell’approvazione unanime della succitata Legge Regionale; EVIDENZIATA la crescente diffusione del gioco d’azzardo sul territorio regionale, che nel 2017 ha comportato giocate per 120 milioni di euro (il 10% circa dell’intero bilancio regionale) e, in alcuni Comuni, giocate medie per abitante che hanno superato i 4000 € annui; i sottoscritti Consiglieri regionali INTERPELLANO

La Giunta regionale per conoscere:

1) se si è già attivata o come e quando intende operare per verificare l’applicazione del previsto divieto in un raggio di 500 metri dalle strutture sensibili;

2) quante e quali sono le sanzioni applicate dai Comuni valdostani nell’annualità 2018 ai sensi della vigente normativa;

3) a quanto ammonta, per l’annualità 2019, lo stanziamento finanziario finalizzato all’applicazione della L.R. 14/2015 e quali variazioni prevede di apportare, nel corso dell’annualità, a tale importo”.