Nuovo regolamento da parte della Svezia inviato alla Commissione Europea. Il testo riguarda l’ispettorato del gioco e i consigli generali su restrizioni e divieti su alcune scommesse per contrastare la manipolazione dei risultati (incluso il match fixing) negli sport e la segnalazione di manipolazioni sospette. Il regolare periodo di stand still, della durata di tre mesi, terminerà il prossimo 21 agosto.

Il regolamento contiene un divieto di scommettere sulla prestazione individuale dei minori e restrizioni sulle scommesse sul calcio. Le scommesse possono essere fornite solo sulle quattro serie principali dei campionati svedesi, le partite tra squadre a livello di club internazionale, le partite della Coppa di Svezia in cui le squadre fanno parte di una delle quattro serie principali e le partite delle squadre nazionali U21 fino alla nazionale maggiore. Le scommesse sull’allenamento o le partite amichevoli nel calcio non devono essere offerte in casi diversi da quelli a cui partecipa la squadra nazionale U21 fino alla squadra nazionale maggiore. Il regolamento contiene anche una disposizione secondo cui un licenziatario deve inviare un rapporto all’Ispettorato del gioco delle manipolazioni sospette registrate l’anno precedente riferito ai risultati sportivi che sono oggetto di scommesse entro il 31 marzo di ogni anno.

L’entrata in vigore del regolamento è prevista per il 19 ottobre 2020.

Le proposte mirano a contrastare il rischio temporaneo di manipolazione dei risultati vietando e limitando la disponibilità di scommesse sulle prestazioni individuali e sul calcio in quanto il calcio è particolarmente esposto alla manipolazione e in parte per rafforzare la protezione dei minori con il divieto di offrire scommesse sulle prestazioni individuali di un minore e fornire all’Ispettorato del gioco documentazione di supporto, ecc.

Il regolamento si applica solo alle scommesse sugli sport praticati in Svezia per coloro che sono autorizzati a fornire scommesse ai sensi del Gaming Act (2018: 1138).