slot
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “Con la Delibera 831 del 12 giugno scorso la Giunta Regionale dell’Emilia Romagna ha approvato le modalità applicative delle nuove regole per le sale gioco e per le sale scommesse e per la nuova installazione di apparecchi per il gioco d’azzardo lecito”, esordisce così in una nota stampa Mauro Bertolino, Delegato Comunale Forza Italia Ravenna, che continua: “Ogni Comune dovrà, entro 6 mesi dalla delibera, fare una mappatura del proprio territorio comunale stabilendo quali sono i punti sensibili. I punti sensibili indicati dalla normativa sono gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, i luoghi di culto, impianti sportivi, strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o sociosanitario, strutture ricettive per categorie protette, luoghi di aggregazione giovanile e oratori ed ogni altro luogo di aggregazione che i Comuni possono considerare sensibili.

Effettuata la mappatura, entro un raggio di 500 metri, rispetto ai punti sensibili, non potranno più essere presenti sale gioco. A fronte di questa normativa, vorrei sottolineare come è noto, che la maggior parte delle slot risiedono nei bar che sono i luoghi di aggregazione per eccellenza sia per giovani, per meno giovani e per anziani – spiega Bertolino -. I bar sono allo stesso tempo luoghi sensibili e sale slot, situazione di coesistenza non accettabile nell’interesse della salute e delle tasche dei cittadini”.

Commenta su Facebook