La sospensione dei termini del Prelievo Erariale unico su slot e vlt e la possibilita’ di rateizzare le somme dovute consentirebbe all’intera filiera del gioco e ai concessionari di Stato di far fronte all’emergenza di tipo finanziario prodottasi evitando importanti ricadute anche sui livelli occupazionali. Così la Relazione tecnica al dl Cura Italia a proposito della misura prevista per il settore degli apparecchi da intrattenimento.

Il Presidente Mattarella ha firmato il Decreto Cura Italia che sara’ pubblicato in GU e che prevede la sospensione dei versamenti nel settore dei giochi.

L’articolo 69 del provvedimento bollinato dalla Ragioneria dello Stato che Jamma ha potuto visionare conferma i contenuti delle bozze precedenti.

SLOT E VLT. “I termini per il versamento del prelievo erariale unico sugli apparecchi di cui all’articolo 110, comma 6, lettera a) e lettera b), del testo unico di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773 e del canone concessorio in scadenza entro il 30 aprile 2020 sono prorogati al 29 maggio 2020. Le somme dovute possono essere versate con rate mensili di pari importo, con debenza degli interessi legali calcolati giorno per giorno. La prima rata è versata entro il 29 maggio e le successive entro l’ultimo giorno del mese; l’ultima rata è versata entro il 18 dicembre 2020.

SALE BINGO – “A seguito della sospensione dell’attività delle sale bingo prevista dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8 marzo 2020 e successive modificazioni ed integrazioni – si legge ancora – non è dovuto il canone di cui all’articolo 1, comma 636, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 e ss.mm. e ii. a decorrere dal mese di marzo e per tutto il periodo di sospensione dell’attività“.

REGISTRO UNICO DEGLI OPERATORI E BANDI GARA SCOMMESSE BINGO E AWP I termini previsti dall’articolo 1, comma 727 della legge 27 dicembre 2019, n. 160 e dagli articoli 24, 25 e 27 del decreto legge 26 ottobre 2019, n.124,coordinato con la legge di conversione 19 dicembre 2019,n.157, sono prorogati di 6 mesi

SOSTITUZIONE AWP con apparecchi di nuova generazione. Sei mesi di proroga anche in questo caso rispetto alla scadenza prevista dalla legge 27 dicembre 2019.

Nella Relazione si chiarisce che i DPCM adottati per fronteggiare l’emergenza Coronavirus hanno colpito in particolar modo  le sale giochi Vlt , con l’obbligo di chiusura, e quindi il blocco delle AWP nei bar. Per gli operatori del gioco risulta impossibile procedere nella raccolta di gioco, anche per l’impossibilita’ di muoversi sul territorio.

Per i Tecnici della Ragioneria la misura non impattera’ sulle entrate erariali in quanto il versamento dell’ imposta avverrà entro l’anno con gli interessi legali.

La proroga del versamento dei canoni concessori da parte delle sale Bingo invece è previsto un mancato introito di circa 1,5 mld.

La proroga dell’entrata a regime del Registro Unico del gioco si prevede produrra’ un mancato introito di circa 28 milioni nel 2020.