“Bisogna anticipare, sfruttare gli strumenti di analisi che la tecnologia ci può offrire che possono consentire di anticipare il problema, capire quando un giocatore sta imboccando una strada non idonea. Ognuno di noi è incentivato a rispettare e ad avere elementi di tutela dei consumatori. La nostra visione è a lungo termine, non ha senso rincorrere il business fine a se stesso. Il mercato dell’online è fluido, per tenere legati ai concessionari italiani i giocatori italiani bisogna fare in modo che le regole siano assimilate a quelle europee”.

Lo ha detto Giovanni Emilio Maggi (nella foto), chief institutional affairs & communication officer di Sisal, intervenendo alla tavola rotonda “Il futuro sostenibile del gaming” nell’ambito dell’Italian Gaming Expo in corso a Roma.