“La chiusura delle sale da gioco legali deciso mesi fa dal governo Conte rischia di essere un favore fatto alla criminalità che lucra sul gioco d’azzardo. Lo stop imposto a uno dei settori più colpiti dalle misure anti covid ad oggi ha determinato perdite per l’erario pari a circa 5 miliardi, con 150000 addetti ridotti alla fame, mentre continuano a impennarsi i guadagni del gioco illegale. Gli operatori del comparto devono poter tornare a lavorare, ed investirò inoltre la Commissione d’inchiesta sul sistema bancario e finanziario per gli assurdi atteggiamenti di rigidità finanziaria, che ha portato finanche alla chiusura forzata immotivata dei conti correnti od al rifiuto di nuove aperture, particolarmente letali in questo periodo di crisi, proprio verso le PMI del gioco legale. Il tutto mentre invece i grandi player internazionali del settore non vengono toccati e stanno fagocitando le nostre aziende italiane”.

E’ quanto dichiara il senatore Andrea De Bertoldi (nella foto), capogruppo FdI nella Commissione d’inchiesta sul sistema bancario e finanziario, a seguito della manifestazione nazionale organizzata a Roma e Milano dalle attività di gioco legali.