“Molto utile questo studio e questo approccio. E’ importante per capire quanto sta cambiando il mondo del gioco nella transizione digitale che stiamo vivendo, ci sono moltissime rilevazioni da fare per approcciare ad una regolamentazione. Dobbiamo capire questa innovazione dove ci porterà”.

Così dichiara l’on. Andrea Casu, PD – Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni, nel corso dei lavori per il Webinar organizzato dall’Istituto per la competitività e IGT dal titolo: “La sfida di una fiscalità sostenibile per lo sviluppo e l’innovazione del gaming in Italia“.

“A livello comunitario – prosegue Casu – si sta cercando di regolare questa digitalizzazione, nello specifico per quanto riguarda il riordino: il contrasto alla ludopatia, il contrasto al gioco illegale, e la leva fiscale sono tre direttive sulle quali intervenire.

Dibbiamo sempre pensare, però, chi sono i destinatari di queste norme, non serve concentrarsi esclusivamente sulla riga della norma. Ci sono elementi di fragilità che non possono essere trascurati e abbandonati. Non possiamo pensare ai ludopatici solo quando mettono in crisi la loro famiglia e la loro esistenza. Bisogna fare anche una operazione di suggerimento (nudging) al fine di orientare la scelta del consumatore verso un gioco responsabile.

Sarà utile organizzare un confronto, il più ampio possibile, al fine di poter mettere in campo politiche più efficaci per un settore che può e deve essere parte integrante di ciò che si deve fare per affrontare questi fenomeni conseguenza dell’evoluzione tecnologica”.

Articolo precedenteIl Gaming in Italia, Faina (ANITEC- Assinform): “IT e digitalizzazione sono opportunità per le imprese, ma servono regole chiare”
Articolo successivoIl Gaming in Italia, Frosini (IGT): “Lo Stato si riappropri del potere di fissare regole. La fiscalità non può essere una misura di contenimento”