Prosegue l’esame alla Camera della proposta di legge “Disciplina dell’ippicoltura”. Nella seduta di mercoledì è arrivato l’ok dalla Commissione Ambiente, territorio e lavori pubblici.

Sergio Vallotto (LEGA), relatore, ha riferito sul testo della proposta di legge risultante dagli emendamenti approvati dalla Commissione di merito. Questi ha evidenziato come “nel corso dell’esame in sede referente sia stata soppressa la disposizione che recava una delega al Governo per lo sviluppo dell’ippicoltura, disposizione a cui tuttavia fa ancora riferimento il titolo del provvedimento, che andrebbe dunque modificato. Venendo al merito, il provvedimento è volto essenzialmente a definire alcuni elementi cardine dell’attività di ippicoltura, che riguarda sia gli equidi destinati alla produzione di alimenti per il consumo umano (DPA) sia non destinati alla produzione di alimenti (NON DPA). Il testo specifica ad esempio che si tratta di attività agricola ai sensi dell’articolo 2135, comma 1, del codice civile ed elenca le tipologie di attività, esercitate dall’imprenditore agricolo, che costituiscono attività connesse a quella agricola. Ai fini del sostegno al settore, l’articolo 1, comma 6, fissa al 10 per cento l’Iva sulla cessione e vendita degli equidi, nonché di quelli impiegati nell’attività sportiva professionale giunti a fine carriera. Si pone quindi il divieto di destinare alla filiera alimentare gli equidi impiegati a scopo sociale o terapeutico. L’articolo 2 prevede la clausola di salvaguardia, stabilendo che le disposizioni della proposta di legge sono applicabili nelle regioni a statuto speciale e nelle province autonome di Trento e Bolzano compatibilmente con i rispettivi statuti e le relative norme di attuazione, anche con riferimento alla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3”.

In conclusione, tenuto conto dei limitati profili di competenza della Commissione, il relatore ha formulato una proposta di parere favorevole. La Sottosegretaria Ilaria Fontana ha dichiarato di condividere la proposta del relatore. Rachele Silvestri (FDI) ha dichiarato il voto di astensione del suo gruppo. La Commissione ha quindi approvato la proposta di parere favorevole del relatore, che riportiamo di seguito:

“Disciplina dell’ippicoltura e delega al Governo per l’adozione di disposizioni volte allo sviluppo del settore (C. 2531 Gadda)

La VIII Commissione, esaminato, per le parti di competenza, la proposta di legge recante la Disciplina dell’ippicoltura e delega al Governo per l’adozione di disposizioni volte allo sviluppo del settore (C. 2531 Gadda), nel testo risultante dall’approvazione delle proposte emendative da ultimo nella seduta del 30 marzo 2022; preso atto delle disposizioni volte a regolare le attività del settore, nonché delle norme fiscali di sostegno al medesimo, evidenziati i limitati profili di competenza della Commissione Ambiente, esprime parere favorevole”.

Articolo precedenteGiochi e proprietà intellettuale, Perrone (EGBA): “L’industria del gambling ha compreso l’importanza di una pubblicità responsabile”
Articolo successivoMancato rispetto limiti orari slot: sanzionate tre attività in provincia di Modena