La Commissione Europea “riconosce le gravi conseguenze sociali e sanitarie del problema del gioco d’azzardo e incoraggia gli Stati membri a garantire un elevato livello di protezione dei consumatori. Alcuni rischi sono stati affrontati nella raccomandazione della Commissione del 14 luglio 2014 sui principi per la tutela dei consumatori e dei giocatori dei servizi di gioco d’azzardo online e per la prevenzione dei minori dal gioco d’azzardo online. Inoltre, tutti gli Stati membri dell’UE sono parti della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dei minori, che sancisce la protezione dei bambini dalla violenza, compresi i rischi relativi all’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) come il gioco d’azzardo. Poiché non esiste una normativa UE specifica per settore sul gioco d’azzardo, gli Stati membri sono liberi di regolamentare le attività di gioco d’azzardo purché siano in linea con le norme sul mercato interno stabilite dal trattato e interpretate dalla Corte di giustizia dell’UE. Le norme sul gioco d’azzardo, compresi i regolamenti sulle scommesse e la tutela dei consumatori, variano quindi tra gli Stati membri dell’UE, così come la situazione sul campo per quanto riguarda il numero e la proliferazione delle scommesse e degli stabilimenti di gioco”.

Cos’ il commissario europeo Bieńkowska ha risposto ad una interrogazione parlamentare sulla questione del gioco d’azzardo e il mercato spagnolo . “La Commissione – ha concluso Bieńkowska- non ritiene di proporre alcuna direttiva quadro o codice di condotta paneuropeo in relazione ai servizi di gioco d’azzardo in questa fase. Analogamente, la Commissione non ha effettuato una valutazione della raccomandazione sulla protezione dei consumatori e dei minori dei servizi di gioco d’azzardo online”.