Nuovo progetto di legge inviato dall’Austria alla Commissione Europea. Si tratta della “Legge statale che modifica le leggi sul gioco e sulle scommesse dell’Alta Austria”. Il regolare periodo di stand still, della durata di tre mesi, terminerà il prossimo 7 giugno.

Si legge: “Con il presente emendamento, la legge sulle macchine da gioco dell’Alta Austria deve essere modificata in modo che il funzionamento delle singole macchine da gioco non sia più limitato ai ristoranti, ma sia consentito nei locali accessibili al pubblico di tutte le strutture commerciali. L’attuale emendamento mira a ridurre i limiti di importo per il rilascio obbligatorio di una carta cliente per le scommesse. Dovrebbe essere emessa una carta cliente per gestire i terminali di scommesse indipendentemente dalla puntata e lo stesso dovrebbe applicarsi alle scommesse live. Per altre scommesse al banco, il limite dell’importo per l’emissione obbligatoria di una carta cliente per scommesse deve essere ridotto da 70 euro a 50 euro. Inoltre, la definizione del termine “terminale di scommesse” deve essere resa più precisa e l’obbligo di fare riferimento al divieto di scommesse per bambini e giovani, comprese le corrispondenti disposizioni penali, deve essere ancorato alla legge. Infine, dovrebbe essere chiarito che un terminale di scommesse può essere utilizzato solo dopo la scadenza del periodo specificato nella sezione 6 (5) dell’Alta Austria. Può essere applicato il Betting Act per la procedura di notifica.

Le misure per l’emissione di una carta cliente per scommesse servono a prevenire il riciclaggio di denaro e ad aumentare la protezione dei clienti che scommettono. L’avviso sul divieto di scommesse per bambini e adolescenti, obbligatorio sui terminali di scommesse e presso le agenzie di scommesse, serve a proteggere bambini e adolescenti. Il regolamento secondo cui un terminale di scommesse può essere utilizzato solo dopo la scadenza del termine fissato per la procedura di notifica si basa su una sentenza del tribunale amministrativo”.