La Gambling Commission britannico ha deciso di aprire una consultazione pubblica in merito all’utilizzo di carte di credito per servizi di gioco d’azzardo. L’Autorità du regolamentazione chiede di fornire qualsiasi informazione che “consenta di sviluppare un quadro completo del gioco d’azzardo con carte di credito, inclusa la frequenza del loro utilizzo per il gioco d’azzardo e i rischi associati e di  fornire evidenza di misure efficaci di prevenzione del danno che potrebbero rappresentare valide alternative al divieto o alla limitazione del gioco d’azzardo con carte di credito”.

Nel 2018 l’RGSB ha fornito una consulenza alla Commissione sul gioco d’azzardo online che includeva raccomandazioni sull’utilizzo delel carte di credito. Il consiglio ha osservato che il gioco d’azzardo con denaro preso in prestito, anche con una carta di credito, è un fattore di rischio in termini di danni. Aumenta in modo significativo il rischio che i consumatori giochino con più denaro di quello che possono permettersi.

L’RGSB ha quindi raccomandato di limitare la possibilità per i consumatori di giocare online con carte di credito.

In un precedente documento la Gambling Commission ha stabilito che i consumatori non dovrebbero scommettere con denaro che non hanno. Da qui l’ipotesi di limitare o vietare l’uso delle carte di credito per il gioco d’azzardo ma senza prima aver esplorato le possibili conseguenze di questa decisione. ” Tuttavia, in assenza di efficaci tutele del consumatore per limitare i rischi causati dal gioco d’azzardo con carte di credito, prenderemo in considerazione la necessità di interventi normativi come la limitazione o il divieto di gioco”, fa sapere la Gambling Commission.