Claudio Cia, consigliere di FdI,commenta il comportamento della sinistra della provincia di Trento a proposito della regolamentazione del gioco legale.

“Fa sorridere il moralismo “a giorni alterni” di Paolo Zanella, Consigliere di sinistra e anche un pò più in là. Quando si parla di liberalizzazione delle droghe leggere è a favore mentre per il gioco chiede che siano chiuse le sale gioco che esercitano legalmente la propria attività grazie a legittima concessione dello Stato. Qual è la logica? Certamente il gioco può degenerare in ludopatia, ma le droghe possono creare dipendenze ben più pericolose, con le spese elevatissime che tuttora già gravano sul sistema sanitario per curare chi è caduto nella tossicodipendenza. L’incoerenza di Zanella si manifesta anche quando dice: “non vogliamo proibire il gioco, solo portarlo lontano dai luoghi sensibili”. Pura demagogia. Concretamente, in una città come Trento con numerose Chiese e luoghi sensibili in centro, l’obiettivo di Zanella è semplicemente quello di spostare il gioco fuori dal centro, dove c’è il salotto buono che a lui tanto piace, e lasciarlo alle periferie, dove i problemi sociali sono molto più gravi e la possibilità di cadere nell’abisso della ludopatia molto superiori. L’obiettivo di Zanella è quello di ghettizzare i giocatori, creando case da gioco nelle periferie senza controlli, dove magari si può consumare alcol fino a tarda notte e dove magari girano senza problemi strozzini pronti a prestare soldi a chi gioca.”

Articolo precedenteCasinò, scommesse e iGaming: AGA aggiorna le Best Practices antiriciclaggio
Articolo successivoTrento. Slot, respinto l’emendamento di proroga applicazione distanziometro. Dal 12 agosto i giochi solo in periferia