HomeAziendeStefanelli (Play'n GO) in Messico: "Nei nostri giochi intrattenimento e sostenibilità"

Stefanelli (Play’n GO) in Messico: “Nei nostri giochi intrattenimento e sostenibilità”

Considerato spesso il punto di riferimento per l’iGaming latinoamericano, il mercato messicano rappresenta oggi un elemento importante delle strategie di di molte società di gioco.

Si prevede che quest’anno il mercato messicano raggiungerà i 2,72 miliardi di dollari e sta registrando un tasso di crescita annuo (CAGR 2024-2029) del 7,47%, il che significa che la principale nazione ispano-americana potrebbe potenzialmente raggiungere un volume di mercato di 3,90 miliardi di dollari entro il 2029.

In Messico le opportunità di espansione non mancano. Ma cosa serve per ottenere un successo reale e duraturo in questo uno dei mercati in più rapida crescita al mondo?

Curtis Roach, responsabile dei contenuti della rivista specializzata IGamingFuture, ha incontrato Michele Stefanelli, Sales Lead Southern Europe & LatAm in Play’n GO per conoscere il suo punto di vista. 

Uno dei mercati chiave in crescita dell’America Latina è il Messico, che offre agli operatori internazionali grandi opportunità di espansione. Che ruolo gioca questa giurisdizione nella strategia di crescita LatAm di Play’n Go? Quali ritieni saranno i principali fattori trainanti per il futuro? 

“Play’n GO è entrato per la prima volta in Messico nel lontano 2018, molto prima che la maggior parte del settore dei giochi online si interessasse all’America Latina. Da allora è rimasto uno dei nostri mercati più importanti nella regione, fornendo allo stesso tempo un accesso ad altre giurisdizioni vicine.

“Siamo molto ottimisti sul suo futuro. Naturalmente, il Paese è una delle economie più forti dell’America Latina, con un’elevata penetrazione della telefonia mobile. Aziende come Apple stanno scommettendo molto sul Messico – l’azienda ha aperto qui numerosi laboratori di sviluppo – e questo ci dice molto sulla voglia e sulle opportunità di una vera innovazione.

“Anche la riforma della legge federale sui giochi e sui concorsi a premi del Messico punta verso un futuro luminoso per l’iGaming. Stiamo lavorando a stretto contatto con l’associazione di categoria AIEJA con una forte attenzione nel contribuire alla crescita e allo sviluppo sostenibile del settore, a beneficio di tutti.

“Dal nostro punto di vista, la priorità rimane la stessa: continuare a offrire intrattenimento di livello mondiale, costruire relazioni profonde e significative con i nostri operatori partner e garantire che i fan dei casinò online in Messico godano di una fantastica esperienza, dall’inizio alla fine, ogni volta che si divertono a giocare.”

Come avete adattato i vostri contenuti e le meccaniche di gioco per coinvolgere meglio il pubblico dell’America Latina, molti dei quali saranno ancora alle prime armi con i giochi online? Come si confrontano con i mercati più maturi che avete sperimentato in tutta Europa? 

“Siamo attivi in ​​più di 25 mercati regolamentati in tutto il mondo; quindi, adattare la nostra offerta a un nuovo pubblico è stato un pilastro centrale del nostro successo nel corso degli anni. Per quanto riguarda specificamente l’America Latina, il nostro primo grande vantaggio è che siamo presenti nella regione da più tempo della maggior parte dei concorrenti; quindi, abbiamo acquisito una comprensione approfondita di ciò che i giocatori desiderano e continuiamo ad espanderci e perfezionarci.

“Per quanto riguarda l’introduzione dei giocatori alle prime armi alle slot online, un gioco che vorrei citare è Gerard’s Gambit, che abbiamo lanciato lo scorso anno. Presenta un approccio pionieristico, fondendo un gameplay completo con un elemento educativo che è particolarmente invitante per chi è nuovo o non ha familiarità con le slot, offrendo un punto di ingresso accessibile per i principianti.

“Un altro titolo recente, Garagantoonz, ha ottenuto risultati altrettanto positivi nei mercati in cui il settore delle slot forse non è così maturo come in gran parte dell’Europa. Il gameplay è intuitivo, il tema riconoscibile e, alla fine, è semplicemente molto divertente da giocare.

“Penso che sia importante ricordare che ora stiamo vedendo alcuni fornitori entrare in mercati meno maturi e sfruttarli come un’opportunità per promuovere giochi e meccaniche che non crediamo siano sicure (o sostenibili).

“Il nostro recente sondaggio in Svezia ha rilevato che il 55% dei giocatori di slot ritiene che gli acquisti bonus dovrebbero essere vietati. Per principio non includiamo i Bonus Buy nei nostri titoli. Riteniamo che questa visione sia, o alla fine sarà, adottata in altri mercati; compresa l’America Latina. La meccanica è predatoria, non offre un’esperienza veramente divertente per il giocatore ed è già vietata in diversi paesi, come il Regno Unito e i Paesi Bassi. Per noi, fornire ai giocatori giochi sostenibili e incentrati sull’intrattenimento, anche nei mercati emergenti, è la massima priorità”.

L’anno scorso le slot machine elettroniche furono bandite in tutto il Messico. Che impatto pensi che ciò avrà sul mercato delle slot online in futuro? Come può il settore online adattarsi al meglio per sfruttare queste condizioni di mercato in evoluzione? 

“Sicuramente apre una finestra di opportunità per il settore iGaming; ma dobbiamo assolutamente affrontarlo nel modo giusto. E questo significa mettere la sostenibilità al centro della nostra agenda. Ci sono, ovviamente, differenze fondamentali tra il gioco tradizionale e quello online, e da molti anni ci stiamo impegnando nella promozione del gioco responsabile.

“Abbiamo già menzionato i giochi Bonus Buy e come fare la scelta giusta.

“Ma oltre a questo, si tratta di garantire che i giocatori che accedono per giocare alle slot online ricevano un’esperienza davvero divertente, indipendentemente dal fatto che vincano o perdano. Dobbiamo potenziare il nostro gioco e offrire valore a questi giocatori in modo che l’iGaming diventi parte del loro budget mensile per l’intrattenimento, allo stesso modo in cui potrebbe esserlo un abbonamento Netflix o Xbox Live”.

Play’n GO parteciperà al Mexican Gaming Show (IAJA) entro la fine dell’anno. Perché è così importante per il marchio essere rappresentato in questa e in altre fiere simili? Cosa speri di ottenere dalla partecipazione?

“Il Mexican Gaming Show (IAJA) è una conferenza molto importante per Play’n GO in quanto fornisce una piattaforma ideale non solo per mostrare ciò su cui abbiamo lavorato, ma anche per incontrare partner vecchi e nuovi.

“Essere all’IAJA ci permette di entrare in contatto diretto e personale con un mercato sempre più rilevante e di attingere alla conoscenza delle ultime tendenze e delle preferenze dei giocatori che possono fare la differenza. Il feedback diretto che riceviamo dai nostri operatori partner è determinante nel valutare le nostre strategie e nel ripensare il modo in cui affrontiamo lo sviluppo del prodotto.

“Play’n GO è già un volto noto in Messico, ma non è una cosa scontata. Non vediamo l’ora di partecipare e dimostrare ancora una volta il nostro impegno non solo nei confronti del Messico, ma dell’America Latina nel suo complesso”.

Redazione Jammahttps://www.jamma.tv/
Il quotidiano del gioco legale
CasinoMania
StarCasinò
Play&Go
ZonaGioco

Articoli correlati