Si sono conclusi con esito positivo i test effettuati nella mattinata di martedì 12 ottobre per verificare la praticabilità delle piste dell’Ippodromo Snai San Siro dopo l’infestazione della coccinella Popillia Japonica. Erano presenti, oltre ai tecnici Snaitech, commissari di corsa del Mipaaf, veterinari e rappresentanti di allenatori, fantini, gentleman e proprietari. Nel corso del sopralluogo, spiega la società di gestione, «tutti i presenti hanno constatato i positivi effetti degli interventi di manutenzione straordinaria compiuti per porre rimedio agli ingenti danni provocati al manto erboso dall’infestazione di larve di Popillia Japonica e ripristinarne l’utilizzo». La pista è quindi tornata utilizzabile. Lo riporta Il Corriere della Sera.

E’ stata confermata la praticabilità della pista circolare interna, per corse fino a 2.000 metri di distanza, della pista grande, con partenze dai 1.800 metri, e della pista dritta nel lato dello steccato interno. «Su queste piste si potrà, quindi, tornare a correre secondo il calendario che sarà definito dal Mipaaf». Snaitech ha inoltre scelto di accordare per l’ultimo trimestre del 2021 uno sconto del 30% sulle tariffe per l’affitto dei box nel centro di allenamento di San Siro.