harrison
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Parlando ieri al World Regulatory Briefing di ICE 2018, Sarah Harrison MBE, CEO, GB Gambling Commission, ha condiviso la sua visione su ciò che l’industria dei giochi sta facendo bene, ma anche su ciò in cui deve molto migliorarsi.

Gli aspetti positivi – ha detto Harrison – sono dati dalla gente che è appassionata, creativa e impegnata. Tuttavia, ha espresso anche alcune critiche costruttive per l’industria.

Uno dei punti deboli del settore che deve essere risolto è un servizio clienti scadente: “Questi non vengono trattati nel modo giusto, e io proprio non capisco. Dal punto di vista commerciale è molto più efficace trattare bene un cliente già conquistato per tenerselo stretto piuttosto che stare a competere tutto il tempo per ottenerne di nuovi” ha spiegato Harrison.

Un altro aspetto negativo per l’industria riguarda il futuro dei “fixed betting terminals” nel mercato britannico. “Abbiamo visto parti del settore scontrarsi l’una con l’altra – ha detto – e questa è un’enorme opportunità mancata”.

Harrison ha poi esortato i leader a concentrare le loro energie sulla creazione di attività sostenibili e orientate al futuro.

Parlando della diversità Harrison ha ricevuto un caloroso applauso dal pubblico. L’argomento, ha detto, è vicino al suo cuore. “Quando gli uomini del settore sono spesso rappresentati in completi eleganti, ma le donne sono in costume da bagno, qualcosa non va e c’è bisogno di cambiare”.

Ha concluso spiegando che l’industria del gioco è veloce, moderna ed entusiasmante, ma ha bisogno di rispecchiare maggiormente l’economia e la società di cui fa parte.

Commenta su Facebook