Due incontri di sensibilizzazione organizzati dal SerD di Arezzo (Dipartimento delle Dipendenze – Asl Toscana Sud Est) in collaborazione con “Mirimettoingioco”, l’associazione di volontariato di ex-giocatori e loro familiari. Gli incontri sono aperti alla popolazione.

Il primo si terrà sabato 18 gennaio dalle 10 alle 12 al SerD (via Fonte Veneziana 17) e prevede gli interventi dello psicologo, dell’educatore professionale e del medico dell’èquipe per il gioco d’azzardo patologico. Il secondo è invece in programma giovedì 6 febbraio dalle 21 alle 22,30 alla sede di “Mirimettoingioco” (via Alfieri 49, Arezzo) con le testimonianze di giocatori e familiari.

Per rispondere alle domande di aiuto dei giocatori e dei loro familiari, il Dipartimento delle Dipendenze ha aperto ambulatori nei SerD delle tre province. Nel 2019, in provincia di Arezzo, sono state 250 le persone in trattamento per il disturbo da gioco d’azzardo.

In particolare nell’Aretino si è sviluppato un sistema di intervento integrato che vede i cinque Serd collaborare con la rete territoriale provinciale (il GdL GAND) che coinvolge il Dipartimento Dipendenze, il Comune di Arezzo, la Prefettura, le forze dell’ordine, l’Ufficio Scolastico Provinciale, i medici di Medicina Generale, la Caritas diocesana, la Misericordia, Anteas, Arci, Mirimettoingioco, SlotMob e le categorie economiche (Confcommercio e Confesercenti).
L’ambulatorio del SerD di Arezzo si trova all’ospedale San Donato e, secondo le disposizioni regionali, offre trattamenti multiprofessionali gratuiti a cui si può accedere direttamente telefonando al numero 0575-255943.