guardia di finanza
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Si è chiuso il piano straordinario delle Fiamme Gialle partito a luglio. “Molti i controlli e le violazioni riscontrate”, ha affermato il Comandante della GdF. “Sono state eseguite azioni e attività per sostenere l’economia sana del Paese, spesso compromessa da subdole forme di concorrenza sleale. I dati di miglioramento di settore dimostrano che siamo sulla giusta strada”.

Su fronte del gioco d’azzardo le Fiamme Gialle hanno sequestrato 483 apparecchi e congegni da divertimento illegali e 114 punti clandestini di scommessa, con la verbalizzazione di 368 persone, delle quali 62 denunciate all’Autorità giudiziaria. 1.000 gli interventi effettuati, con una percentuale di irregolarità del 28%.

“Con la stagione fredda la Guardia di Finanza continuerà ad assicurare la sua opera di
prevenzione e repressione degli illeciti che danneggiano l’economia legale – ha ripreso
Toschi – sia con indagini di polizia economica e finanziaria complesse e articolate nei
confronti dei fenomeni criminali più rilevanti, sia con controlli di tutti i giorni, rivolti a
manifestazioni diffuse di illegalità. Sotto il primo profilo, le cronache quotidiane
testimoniano le grandi operazioni che il Corpo sta conducendo su molteplici versanti: dalla
lotta alle frodi fiscali e alla corruzione, al contrasto del riciclaggio e della criminalità
economica e organizzata su scenari finanziari internazionali. L’impegno delle Fiamme
Gialle proseguirà anche sotto il secondo profilo, per continuare a contrastare le perniciose
irregolarità di meno evidente gravità, irregolarità che non si esauriscono con l’arrivo
dell’autunno, ma persistono anche in inverno, come accade per gli affitti “in nero”, il
commercio dei “falsi”, il contrabbando di carburante”.

Commenta su Facebook