Sono ore decisive per la conferma dello svolgimento dell’edizione primaverile di ENADA, la manifestazione dedicata all’apparecchio da intrattenimento prevista per dall’11 al 13 marzo prossimo.

A seguito dell’ordinanza del presidente della Regione Emilia Romagna del 23 febbraio che sospende le manifestazioni fieristiche fino al 1 marzo prossimo (comprese quelle che dovrebbero svolgersi presso il quartiere fieristico riminese), si sta già pensando ad una riprogrammazione degli eventi.

In queste ore, secondo quanto Jamma può riferire, alcune aziende espositrici avrebbero ritirato il loro impegno a partecipare a Enada anche a causa dei provvedimenti predisposti come misure precauzionali da diverse amministrazioni regionali. Da qui l’ipotesi di rinviare lo svolgimento della manifestazione nonostante il presidente dell’Emilia Romagna Bonaccini abbia confermato in queste ore che il provvedimento ha validità solo fino al 1 marzo prossimo, smentendo la fake news circa l’estensione della sospensione delle attività fino al 20 marzo prossimo.

Quella di un rinvio di Enada Primavera, almeno fino ad ora, resta quindi solo una ipotesi su cui si sta confrontando l’organizzatore dell’esposizione, Italian Exhibition Group, e l’associazione Sapar in qualità di partner.