Agenti della Sezione “Anticorruzione” della Squadra Mobile hanno esguito nei giorni scorsi  un’ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal GIP, su richiesta della Procura della Repubblica di Roma, nei confronti di 10 soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, di corruzione per l’esercizio della funzione, corruzione per un atto contrario ai doveri di ufficio, turbata libertà degli incanti e truffa ai danni dello Stato, nonché di reati in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto

Raggiunti dalla misura restrittiva tre imprenditori operanti nel settore dell’edilizia, manager privati e Funzionari Pubblici dell’Agenzia delle dogane e monopoli.

Tra i destinatari della misura degli arresti domiciliari

PIETRANGELI Massimo , all’epoca dei fatti Direttore Accertamento e Riscossione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli nonché Presidente del Fondo di Previdenza del MEF, attualmente Direttore della Direzione Centrale Tabacchi e 

CARDUCCI Fabio all’epoca dei fatti Direttore Gestione Accise e Monopolio Tabacchi, attualmente in stato di quiescenza.

Sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di corruzione per l’esercizio della funzione, corruzione per un atto contrario ai doveri di ufficio, turbata libertà degli incanti e truffa ai danni dello Stato.

“In relazione all’inchiesta relativa alla cosiddettaoperazione“Cassandra”, riferita in una Conferenza stampa dalla Procura di Roma, il Ministero dell’Economia e Finanze esprime piena fiducia nell’attività degli inquirenti e la massima disponibilità di tutte le strutture del Ministero a collaborare con le indagini. Dalle risultanze di indagine emergono infatti ipotesi di reato egravi comportamenti fraudolenti attribuiti anche a dirigenti o ex dirigenti delle Agenzie fiscali. Talifatti, risalenti ad anni addietro, secondo quanto dichiarato dalle autorità inquirenti, si riferisconoalla gestioneimmobiliare e finanziaria di alcune società appartenenti al Fondo di previdenza del Ministero.Si tratta di ipotesi di reatorispetto allequali il Ministero, i suoi dipendentie le Agenzie fiscali sono parte lesa.Per quanto riguarda i due dipendenti delle Agenzie fiscali, sottoposti nella giornata di oggi a misure cautelari, in riferimento alruolo da essi svolto nell’ambito delle suddette attività immobiliari e finanziarie,questa amministrazione ha immediatamente avviato le procedure necessarie allaloro sospensionesia dagli incarichi interni alle Agenziesia, per quanto riguarda il dr. Massimo Pietrangeli,dal ruolo di Presidente del Fondo.Il Ministero dell’Economia e Finanze seguiràlo sviluppo delle indagini con grande attenzione, anche attivando le procedure previste di accertamento interno, con la ferma intenzione di porre in essere tutte le misure amministrative ed organizzative che l’accertamento dei fatti renderà opportune e necessarie”, fa sapere il Mef in un comunicato.