Di seguito una nota inviata dai sindacati al Dott. Rocco Flore, Direttore Centrale del Personale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

“Le scriventi OO.SS., nell’ambito delle misure adottate dal Consiglio dei Ministri il 22 febbraio scorso in seguito al repentino diffondersi dei contagi da corona virus in alcune realtà regionali identificate, condividendo e rappresentando le comprensibili preoccupazioni del personale, con la presente richiedono che l’Agenzia, oltre alle altre iniziative già adottate o in corso di adozione e fatte salve le eventuali, ulteriori decisioni governative, debba disporre con immediatezza: la limitazione, da concordare con le autorità di crisi, delle attività degli uffici delle regioni oggetto del citato provvedimento del Governo, ai soli servizi urgenti ed indifferibili, ridefinendo in particolare le procedure, con le medesime autorità e con l’utenza, per gli accessi e le verifiche esterne; la disposizione ai direttori di tutti gli uffici di fornire alle autorità sanitarie – ai fini della tutela della salute del personale e più in generale dei cittadini – tutte le situazioni di possibile contatto di dipendenti dell’ADM con le zone “a rischio”; la fornitura di ogni mezzo di prevenzione sanitaria e di limitazione fisica del contatto con il pubblico – anche sulla base delle indicazioni fornite dalle autorità competenti – al personale che opera negli uffici delle citate regioni, nonché a quello di tutte le sedi aeroportuali e portuali; la sospensione delle attività, quali prossime procedure concorsuali, che prevedano lo spostamento di dipendenti e cittadini da e per le regioni “rischio”.

Le scriventi inoltre con la presente, nel ritenere che la situazione di allarme che si è determinata necessiti l’adozione di decisioni organizzative strutturali, chiedono di essere immediatamente convocate per la sottoscrizione di un accordo – i cui ambiti erano peraltro già stati ampiamente discussi nei mesi scorsi – che attivi subito il cosiddetto “Telelavoro”, da implementare ora per le realtà regionali di cui sopra.

Le scriventi restano in attesa di riscontro e di formale convocazione, a tavoli separati di seguito alla richiesta già inoltrata in data 19 febbraio 2020, per approfondire i contenuti delle sopra indicate richieste, rendendosi fin da subito disponibili”.

FPCGIL

Iervolino

CISLFP
Fanfani

UILPA
Procopio

CONFSAL/Unsa
Veltri