A testa alta Pierluigi e Simone, titolare di un’agenzia di scommesse, chiedono di poter tornare a lavorare. “Siamo Pierluigi e Simone, due soci che chi ha lasciato l’università e chi ha lasciato l’attività di calciatore abbiamo investito con l’aiuto dei…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati