A testa alta Onofrio, dipendente da oltre 10 anni in una sala Vlt di Bari, chiede di poter tornare a lavorare e di ricevere le stesse tutele degli altri lavoratori.

“Ciao mi chiamo Onofrio e lavoro da più di 10 anni in una sala videolottery a Bari e voglio dire a chi ci governa e discrimina, che anche noi lavoratori del gioco legale vorremmo essere tutelati come tutte le altre categorie di lavoratori che in questo momento storico stanno affrontando diverse difficoltà. Vorrei che adesso chi rappresenta questo “Stato” inizi a fare qualcosa per fare riaprire il nostro settore e farci tornare a lavorare con tutte le misure di sicurezza del caso, ma comunque iniziare, visto che da quando siamo fermi, 09/03/20, non abbiamo avuto nessun tipo di aiuto economico e sociale.

Vorrei che lo Stato aiuti quegli imprenditori che in questi anni hanno dato migliaia di posti di lavoro e permesso di creare famiglie grazie a questo lavoro del gioco legale, quando lo Stato prometteva ma non manteneva quelle promesse. Quindi adesso noi vi chiediamo solo di farci tornare a lavorare perché è un nostro sacrosanto diritto”.

SE HAI DA DIRE QUALCOSA ANCHE TU, VUOI RACCONTARE LA TUA STORIA DI LAVORATORE DEL GIOCO LEGALE, INVIA UNA EMAIL A [email protected]

o un messaggio via facebook alla pagina Jamma- Il quotidiano del Gioco

Ricordati di indicare il tuo nome