A testa alta Fabio risponde alle recenti dichiarazioni del senatore Crimi (M5S) ricordando come anche aziende che non gestiscono direttamente, ma sono comunque collegate al settore del gioco, rischiano la chiusura.

“Caro Senatore Crimi, sono un dipendente di una azienda informatica che offre in gran parte i propri servizi e le proprie consulenze ai concessionari del gaming. Una azienda che non gestisce il gioco, ma è fornitore di servizi per chi lo gestisce. Noi abbiamo visto azzerato il nostro fatturato grazie alla pandemia. E, grazie alle sue parole e a quelle di molti esponenti del suo movimento, credo saremo destinati alla chiusura. Con almeno 25 dipendenti che, finita la cassa integrazione, saranno sicuramente licenziati. Mi pare di leggerle in bocca le sue risposte: ‘non accettiamo ricatti occupazionali’. Perfetto! Per coerenza faccia altrettanto ‘spegnendo per sempre’ altri settori che credo siano altrettanto eticamente discutibili: bevande alcoliche, fumo (aggravante mortale per chi viene contagiato dal Covid) e armi (a meno che lei non sia d’accordo su fabbriche e vendita di oggetti che uccidono poveri cristi in ogni parte del mondo). Sono certo che non avrebbe mai il coraggio (per fortuna) di farlo. Perché metterebbe in mezzo ad una strada un mare di gente. E altri farebbero quello che noi non potremmo più fare.

Ebbene, che le piaccia o meno, nel mondo del gioco succederà la stessa cosa. Altri, diversi dai concessionari, gestori e operatori del settore prenderanno in carico la possibilità di ‘spennare le persone’. Solo che questo avverrà senza che lo stato possa controllare, intervenire, regolare. Nessuno difenderà più i poveri giocatori. Ma a voi che importa di ciò. Non influenzerà i sondaggi, unica cosa di cui vi interessa. Vorrei tagliarmi la mano che ha votato il vostro movimento”.

SE HAI DA DIRE QUALCOSA ANCHE TU, VUOI RACCONTARE LA TUA STORIA DI LAVORATORE DEL GIOCO LEGALE, INVIA UNA EMAIL A [email protected]

o un messaggio via facebook alla pagina Jamma- Il quotidiano del Gioco

Ricordati di indicare il tuo nome