Il gruppo SAZKA, operatore di gioco d’azzardo con licenza per l’offerta di lotteria, ha esortato la Commissione europea a indagare sulla tassazione delle lotterie nella Repubblica ceca che ritiene ingiusta in quanto rappresenterebbe un aiuto di stato per altri servizi di gioco d’azzardo.

In una dichiarazione, la società ha esortato l’unità di aiuti di Stato dell’UE a pronunciarsi contro l’imposta del 35% sulle lotterie introdotta nei giorni scorsi. Ritiene che i casinò e i giochi di scommesse che pagano il 23% siano ad oggi in una posizione finanziaria più favorevole.

La Commissione europea ha dichiarato che indagherà sui fatti denunciati, mentre il ministero delle finanze della Repubblica ceca ha affermato che la differenza di tasse non è discriminatoria e non rappresenta una forma di sostegno pubblico perché diversi servizi di gioco d’azzardo non competono direttamente. Il ministero ha anche affermato che i governi europei hanno il diritto di stabilire tariffe diverse per servizi diversi.