Print Friendly

(Jamma) – La prima cittadina di Pergine Valdarno (AR) Simona Neri è stata invitata a Bruxelles al Parlamento Europeo per parlare delle azioni intraprese contro il gioco d’azzardo, in quanto referente Anci Toscana per le ludopatie: l’appuntamento è per martedì prossimo, 27 giugno.

Interverrà a un’iniziativa voluta dall’onorevole David Sassoli insieme all’onorevole parlamentare europea Caterina Chinnici, figlia del Magistrato Rocco Chinnici, vittima di mafia. Presenti anche il Senatore Pd Stefano Vaccari, Coordinatore della Commissione Parlamentare Antimafia del X Comitato, il Tenente colonnello dell’Europol Antonio Manfredi, Don Armando Zappolini come portavoce nazionale della campagna ‘Mettiamoci in gioco’ e Filippo Torrigiani, consulente della Commissione Antimafia e del CNCA

“È davvero un grande onore poter presentare l’attività che sto portando avanti per conto di Anci Toscana sulle misure che gli Enti Locali possono mettere in atto per un serio contrasto alla diffusione della dipendenza da gioco – commenta Simona Neri -. Un’attività che ho da subito condiviso con Torrigiani e Don Armando Zappolini ma anche con l’azienda sanitaria locale, le forze dell’ordine ed il mondo dell’associazionismo”.

“Accanto alla proposta di un Regolamento Comunale che tramite Anci abbiamo distribuito a tutte le amministrazioni della regione Toscana e che diversi Consigli Comunali hanno portato all’approvazione, al tavolo “ludopatie”, insieme al funzionario amministrativo del Comune di Prato A. Golin, ci siamo mossi per proporre una modifica dell’attuale L.R. 57/2013 e siamo intervenuti sempre in modo puntuale sulla proposta governativa alla Conferenza Unificata in tema di riordino del settore gioco. La Regione Toscana sta rispondendo all’emergenza di questo disagio che prende sempre più campo in modo trasversale, per genere e fascia di età e sono davvero felice che, grazie alla sensibilità dell’onorevole Sassoli questo tema sia affrontato al Parlamento Europeo” ha concluso Neri.

Commenta su Facebook