Giocavano da ore alle slot, ma senza mettere mano ai portafogli. Dalle 10 del mattino, erano quasi le 17 di ieri quando su chiamata del titolare la polizia è intervenuta in un bar di Pavia, nel quartiere di Città Giardino, trovando i 3 uomini ancora alle prese con le macchinette.

Usavano un marchingegno che gli permetteva di giocare senza introdurre soldi, tenendosi così le vincite, comunque esigue, dato che sono stati trovati solo con 150 euro, sequestrati in quanto ritenuti di provenienza illecita.

I tre, di nazionalità albanese, di 33, 23 e 20 anni, 2 residenti a Milano e uno a Stradella, già con alcuni precedenti, sono stati denunciati, in stato di libertà, per il reato di frode informatica in concorso, oltre che per quello di possesso di chiavi alterate o grimaldelli.

Commenta su Facebook