tribunale

Il Tar Piemonte ha respinto – tramite ordinanza – il ricorso presentato contro Ministero dell’Interno e Ministero dell’Economia e delle Finanze in cui si chiedeva l’annullamento, previa sospensione dell’efficacia, del decreto emesso dal Questore della Provincia di Alessandria disponente il rigetto dell’istanza presentata dal ricorrente intesa ad ottenere il rilascio dell’autorizzazione di polizia ex art. 88 TULPS per l’esercizio dell’attività di “raccolta scommesse – VLT”.

Per il Tar: “Ritenuto ad un primo sommario esame compatibile con la fase cautelare che il ricorso non paia assistito dal prescritto fumus boni iuris in quanto: il provvedimento impugnato motiva anche con riferimento alla violazione delle distanze dai luoghi sensibili; l’autorizzazione, come richiesta in atti genericamente riferita all’art. 88 t.u.l.p.s., di per sé è riferita anche agli apparecchi VLT; la giurisprudenza del giudice di appello afferma che, nella valutazione finalizzata all’autorizzazione, si debba tenere conto di eventuali vincoli derivanti dall’applicazione del distanziometro; l’amministrazione ha documentato in atti come precisamente è stato computato il mancato rispetto delle distanze, che peraltro lo stesso ricorrente non contesta puntualmente, finendo per affermare che sta cercando di reperire altra sede per il momento di scadenza del periodo transitorio previsto a maggio 2019 (la tesi, per altro, contrasta con il principale assunto secondo cui non si intenderebbe installare apparecchi VLT, il che escluderebbe di per sé l’esigenza di delocalizzazione); considerato che il regime transitorio e la tutela dell’affidamento si giustificano con riferimento ad attività già avviate e non sono volte a consentire l’installazione ex novo di imprese destinate a priori ed a breve a rilocalizzarsi; ritenuto pertanto che l’istanza cautelare non possa trovare accoglimento; la novità delle questioni giustifica la compensazione delle spese di lite. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda), respinge l’istanza cautelare”.

Commenta su Facebook