Daniele, dipendente di una sala Bingo. “Nel Lazio le attività di gioco ripartono solo dal 1 luglio, noi eravamo pronti a ripartire già da ieri”

Daniele Sale è stato intervistato oggi nel corso della trasmissione Centocittà di Rai Radio1. “Sala sanificata, dotata di tutto, dipendenti informati sui protocolli, perfetta. Già da ieri avremmo potuto riaprire”, spiega Daniele “e invece no. Non si sa bene perchè, sono riaperte le sale il Lombardia dove la situazione epidemiologica è sicuramente più complicata”. Nel corso del suo intervente Daniele non ha mancato di ricordare come non solo le imprese di gioco legale subiscano forme di discriminazioni da parte delle banche per motivi legati alla natura della attività ritenuta non etica. “Anche noi dipendenti siamo distriminati. Sono giovane, ho un figlio, vorrei acquistare una casa, ma il mio lavoro, in una sala bingo, rappresenta un impedimento al rilascio di un mutuo”.