slot
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “L’intento dell’emendamento è condivisibile ma ci sono altre normative regionali più puntuali, quindi limitarsi ad aggiungere questa equiparazione appare riduttivo, anche per la mancata introduzione di specifiche norme transitorie sui tempi di adeguamento ai limiti per le sale da giochi esistenti”.

E’ quanto dichiarato da Emanuele Fiorini (Lega Nord) durante l’assemblea che ha portato all’approvazione della proposta di modifica della legge regionale umbra “Norme per la prevenzione, il contrasto e la riduzione del rischio della dipendenza da gioco d’azzardo patologico”, di iniziativa della consigliera Carla Casciari (Pd).

“In Italia ci sono oltre 1 milione e mezzo di persone coinvolte dalla ludopatia, malattia che rovina le famiglie e la società. In Italia c’è un apparecchio per gioco ogni 143 abitanti, una media molto alta in Europa. In Umbria si spendono 163 euro ad abitante e il 5,6 per cento della popolazione risulta ludopatica. La legge contro la ludopatìa stenta ad essere applicata e non sono stati resi noti i risultati della sua attuazione. Abbiamo presentato due emendamenti per le macchine da gioco installate prima dell’entrata in vigore della legge” ha concluso Fiorini.

Commenta su Facebook