Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Il ministro Martina ha deciso di rinviare rinvio la classificazione degli ippodromi, una decisione giusta secondo il Coordinamento Ippodromi, che tuttavia sottolinea: “siamo arrivati a fine Gennaio ed ancora non conosciamo: la Convenzione degli ippodromi per l’anno in corso;  il calendario delle corse (a partire da febbraio); i finanziamenti previsti nel Bilancio del Ministero per le sovvenzioni agli ippodromi e per il montepremi”. Alcune indiscrezioni riferiscono di 5 milioni in meno agli ippodromi, meno corse e meno giornate, uno scenario che mette in allarme l’associazione degli ippodromi.

“Nel frattempo il Ministero ha avuto vari incontri sulla crisi degli ippodromi di Napoli e Torino. Comprendiamo che Napoli e Torino sono due importanti ippodromi nazionali e che giustamente si è attivato il Comune di Napoli e la Regione Piemonte, ma ricordiamo che tutti e sottolineiamo tutti gli ippodromi italiani sono importanti per il sistema e per l’intera filiera. In tutti gli ippodromi ci sono lavoratori e operatori dell’indotto e della filiera e che tutti i Sindaci e tutte le Regioni sono interessati alla salvezza delle proprie strutture”.

Il Coordinamento chiede quindi al Ministro Martina la costituzione di un “tavolo di crisi per l’ippica, a cui partecipino l’ANCI e tutte le rappresentanze della filiera per discutere e trovare le soluzioni per uscire dalla gravissima crisi che investe ormai da anni tutto il settore”.

Commenta su Facebook