Gli operatori di gioco online, che non hanno sede in Germania, hanno cominciato a fare causa agli stessi giocatori che si erano rivolti alla magistratura per chiedere che gli venissero rimborsati i soldi persi al gioco.

Negli ultimi due anni, a seguito di una serie di giudici a favore di giocatori tedeschi che avevano giocato (e perso) su siti di gioco d’azzardo online con sede a Malta, oltre 1.000 cause sono state intentate per motivi simili.

Ora pare che la situazione si sia invertita. Un fornitore di giochi d’azzardo online ha citato in giudizio un giocatore – e non il contrario. Dopo che un tribunale regionale ha chiarito che il giocatore non poteva rivendicare le sue perdite di gioco, lo stesso giorno l’operatore ha fatto causa al giocatore. “I giocatori ora devono aspettarsi di essere citati in giudizio dai fornitori di giochi d’azzardo online se fanno richieste ingiustificate di rimborso, il che vorrebbe dire spese legali significative per i giocatori”, hanno spiegato i legali che si stanno occupando della vicenda.

Nonostante centinaia di cause legali da parte dei giocatori, pare non sia stata emessa nemmeno una sentenza definitiva contro operatori di gioco.

Articolo precedenteValle d’Aosta, aggiornamento e futura gestione del sistema informativo della società Casinò de la Vallé all’odg del prossimo consiglio regionale
Articolo successivoTutela gestore in caso di accertata incompatibilità comunitaria della Legge di Stabilità 2015, l’avvocato Ariano: “Quali scenari futuri?”