“La situazione del settore ambulante è drammatica anche nella nostra regione – spiega il presidente Anva Confesercenti della Toscana, Maurizio Innocenti -. Gli operatori, oramai, sono fermi da mesi con ripercussioni pesanti sullo stato di migliaia di famiglie. Non ci siamo tirati indietro ed abbiamo fatto la nostra parte, nello spirito di servizio che, da sempre, ci rappresenta. Adesso, però, dobbiamo guardare al futuro utilizzando i giorni che mancano al possibile lockdown elaborando proposte ed atti concreti che permettano una ripartenza immediata del settore. Intendiamo, naturalmente, rispettare tutte le norme per la tutela della salute, nostra e dei nostri clienti, ma le nostre imprese devono ripartire”.

Advertisement

“Alla Regione Toscana chiediamo – ha poi proseguito Innocenti – l’apertura immediata di un tavolo di confronto con la partecipazione di ANCI e delle categorie economiche al fine di fornire un indirizzo unico per i comuni sulle linee guida per le modalità di riapertura dei mercati. Non è sostenibile per le nostre imprese che non vi sia un’uniformità di nome, perlomeno a livello generale, per evitare le decine di interpretazioni che hanno caratterizzato il periodo attuale creando anca ora più incertezza e difficoltà alla categoria”.

In particolare, tra le varie richieste, si propone la proroga della lotteria degli scontrini ed invio telematico al 1° gennaio 2021.