roma
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Il limite della distanza minima di 500 metri deve valere anche per le sale slot già esistenti ubicate vicino le scuole, e dopo il gioco d’azzardo la giunta Raggi deve dichiarare guerra anche all’elettrosmog. Lo afferma oggi il Codacons, tornando sulla delibera sulle slot machine annunciata ieri dal sindaco Virginia Raggi.

“E’ necessario uno sforzo in più per regolarizzare le sale da gioco già esistenti, e per le quali non varranno i nuovi limiti di distanza di 500 metri dai luoghi sensibili – spiega il presidente Codacons Carlo Rienzi – In particolare vanno spostate quelle sale slot già esistenti ubicate in prossimità delle scuole, perché la vicinanza tra sale da gioco e istituti scolastici rappresenta un enorme pericolo per i giovani, che possono avvicinarsi con facilità all’azzardo ed entrare in un tunnel dal quale poi sarà difficile uscire”.

Il Codacons chiede poi alla giunta Raggi di avviare una battaglia anche contro le antenne selvagge. “In molti quartieri della città si registra una concentrazione di antenne per la telefonia e tralicci tale da mettere a rischio la salute dei residenti, perché in tali zone i valori delle onde elettromagnetiche sono pericolosamente vicini ai limiti massimi consentiti dalla legge – prosegue Rienzi –. Il sindaco deve imporre limiti sul fronte dell’elettrosmog e dell’installazione di impianti per la radiotelefonia, un settore troppo spesso simile al “far west” dove le compagnie telefoniche dettano legge”.

Commenta su Facebook