Di seguito il testo della lettera condivisa ieri all’Ippodromo di Capanelle e inviata al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali con richiesta di incontro urgente: “Tutte le associazioni rappresentative delle società di corse e le società singole indicate in calce alla presente, facendo seguito alla lettera del 7 gennaio u.s. rimasta priva di riscontro, in data 17 gennaio hanno partecipato all’incontro pubblico, unitamente a tutte le componenti della filiera e alle Organizzazioni Sindacali Nazionali CGIL, CISL e UIL. Nel corso dell’incontro sono emerse le gravi difficoltà che interessano il settore ippico, nel quale si è riscontrata l’assenza di informazione da parte del ministero in ordine:

• allo stanziamento 2022 per i servizi resi dalle società di corse;

• alla Direzione Generale dell’ippica;

• alla riduzione dei tempi di pagamento delle spettanze agli operatori.

Lunedì 24 gennaio è stato indetto un nuovo tavolo di lavoro con le Organizzazioni Sindacali e le categorie ippiche per stabilire le iniziative da assumere per la tutela ed il rilancio del settore. Si resta in attesa di cortese urgente riscontro e si porgono distinti saluti”.