“Ennesimo attacco al settore del gioco legale da parte della politica. Solite ipocrisie e false informazioni”. Così gli operatori delle scommesse riuniti nella Associazione  delle Agenzie Scommesse Italiane

“Questa volta a parlare sono i deputati del Movimento 5 Stelle Francesco Silvestri e Massimo Baroni ed i senatori Giovanni Endrizzi e Matteo Mantero che dicono: “E’ giusto aumentare la tassazione sulle scommesse sportive, ma confermando nero su bianco il divieto di pubblicità del Decreto Dignità e cancellando una tassa di scopo molto pericolosa. Lo sport dilettantistico deve essere aiutato con la fiscalità generale dello Stato e non con l’azzardo dal cui circolo vizioso occorre uscire”.

Advertisement

Ascoltando queste misere parole, noi amministratori dell’Associazione delle Agenzie Scommesse Italiane siamo stati colti da un dubbio: ma non è che questi signori non conoscono la differenza tra gioco legale e gioco d’azzardo?

Definire le scommesse sportive come “azzardo dal cui circolo vizioso occorre uscire”, infatti, significa non essere a conoscenza di quella che è la realtà dei fatti!
“Noi esercenti invitiamo i deputati ed i senatori citati ad un dibattito pubblico in cui, forse, riusciranno a schiarirsi le idee e capire la differenza tra un settore che ogni anno porta svariati miliardi di euro in termini di gettito fiscale e l’azzardo e l’illegalità che proprio questa “tassa giusta” andrà ad alimentare”.