E’ stato siglato oggi il Protocollo d’intesa riguardante le “Misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 nelle Sale Bingo”.

Advertisement

Il Protocollo fa riferimento all’Accordo Nazionale di Lavoro del settore, parte del CCNL del settore dei Pubblici Esercizi ed è firmato da FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi), in rappresentanza delle principali società del settore, con FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL e UILTuCS in rappresentanza dei lavoratori.

 

L’applicazione attenta e rigorosa del Protocollo di Sicurezza durante l’avvio della cosiddetta “Fase 2”, consentirà ai Concessionari delle Sale Bingo (Milleuno Spa, Operbingo Italia Spa, HBG Entertainment Srl, Bingo Baldo Srl, Novomatic Italia, Cirsa Retail Srl) di riaprire insieme a tutti gli altri esercizi commerciali, garantendo la salute dei propri dipendenti e di quella dei clienti.
Il Protocollo è stato studiato sulla base di una attenta ed esplicita analisi dell’organizzazione del lavoro nelle sale, delle sue fasi sui diversi servizi offerti e delle possibili interferenze, individuando i profili di rischio e le contromisure organizzative per contenere o azzerare i rischi, secondo questi “pilastri”:
– misure organizzative: distribuzione degli spazi, percorsi definiti, controllo degli accessi per garantire il distanziamento sociale, igienizzazione e sanificazione giornaliera dei locali;
– misure strumentali: significativi investimenti delle aziende per garantire le distanze anche con utilizzo di schermature anti-contagio; i lavoratori saranno dotati di DPI e saranno istituiti safe corner con igienizzanti e dispositivi di protezione anche per i consumatori;
– misure informative: massiccia comunicazione ai consumatori con schermi, cartellonistica e assistenza presso i safe corner. I lavoratori saranno preventivamente formati sulle misure di contenimento con ordini di servizio e istruzioni di lavoro per la corretta e pedissequa applicazione delle norme di sicurezza.

Il Protocollo è stato validato da un esperto indipendente, il Prof. Francesco Saverio Violante, Ordinario di Medicina del Lavoro all’ Università di Bologna.
La mappatura dei rischi effettivi all’interno della Sala Bingo e le misure di prevenzione concretamente adottate rappresentano lo strumento informativo per l’INAIL per attribuire alle Sale Bingo una classe di rischio specifica rispetto a quella generalmente attribuita dal codice ATECO di settore.

“Le Sale Bingo garantiscono significativi livelli occupazionali diretti e nell’indotto, generando circa 12.000 redditi da lavoro in quasi 200 gaming halls in Italia – commenta FIPE – e con questo impegno, ottenuto grazie ad un proficuo scambio con i delegati sindacali proprio in un momento drammaticamente difficile per i pubblici esercizi come quello che viviamo, vogliamo attivamente contribuire alla richiesta alle istituzioni di risposte agli imprenditori ed ai lavoratori del settore, con la riapertura delle sale. Una riapertura che consentirà di ritornare ai momenti di socialità tipici di queste attività, imparando a viverli con le precauzioni che il Protocollo garantisce.”