esports
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) –  “Mkers è una giovane start up, l’idea era trovare un posizionamento nel settore eSportivo italiano. Non vogliamo inventare qualcosa di nuovo, non abbiamo questa presunzione. L’Italia è l’unico paese che sta ancora discutendo per capire se siamo o meno uno sport mentre nel resto del mondo non è affatto così”.

E’ quanto dichiarato da Paolo Cisaria (Mkers) presso l’Aula Magna LUISS di Roma nell’ambito del workshop “Sport Business & Economia dello Sport”.

“Su Clash Royale siamo il primo, secondo e terzo clan. Stanno nascendo anche nostri clan in giro per il mondo. Questo ci fa onore. Iniziamo a raccontare in giro per il mondo che l’Italia può avere un suo posizionamento. Dobbiamo far capire che il videogioco, che può comportare una degeneraione, non va respinto ma deve semplicemente essere trattato in maniera corretta. Abbiamo l’ambizione di lavorare su ogni titolo in maniera top. Facciamo molto scouting per capire se possono esserci dei players italiani su cui puntare. Abbiamo una responsabilità nei confronti degli investitori e nei confronti dei ragazzi che cercano in team italiani di iniziare la loro avventura professionistica. Esistono nuovi posti di lavoro che continuiamo a sottovalutare. Questo è un segmento privo di organizzazione giuridica e lavorativa, che stiamo cercando di colmare ma avremmo bisogno di aiuto e supporto. Il contenuto straniero è sempre predominante rispetto all’Italia questo perchè l’organizzatore italiano andrebbe aiutato da parte delle imprese. Possiamo offrire sponsor, presidio dei social, media, gestione dell’immagine, degli eventi, dei diritti e parte del merchandising. Dobbiamo essere credibili, responsabilizzarci, presentarci davanti alle aziende in un certo modo. Ci sono titoli che in Italia non passeranno mai, alcuni sparatutto difficilmente interesseranno per gli sponsor. Il ciclo di vita di un atleta dipende dai titoli, difficilmente vedo atleti vicino ai 30 anni. L’attività di scouting degli atleti? Prima eravamo costretti ad andare a cercarli, oggi non è più così”.

 

Commenta su Facebook