Print Friendly

C’è chi ha viaggiato anche mezza giornata sfidando il maltempo per arrivare puntuale al raduno di Lugano.

Niente ombrello per gli harleysti che amano il vento sulla faccia anche quando sferza un po’ e sotto il diluvio continuano a preferire le giacche in pelle alle cerate. Una filosofia di vita più che un modo di essere, ben riassunto nella moto di Milwaukee che ognuno di loro ha trasformato nel proprio oggetto di culto. Anche se il cuore è sempre lo stesso, un bicilindrico dal numero di giri imponente e il rombo assordante, ogni moto è unica per cromature e areografie, come i tatuaggi sui corpi dei loro proprietari e le toppe sui loro giubbotti. A non far soffrire troppo la nostalgia ai bikers italiani ci ha pensato il Casinò Campione d’Italia, che ha voluto dare il proprio benvenuto con una grande festa, in puro stile Harley Davidson, ieri sera alle nel Salone delle Feste all’ultimo piano della casa da gioco. Protagoniste sono state le mitiche moto americane, reduci dalla due giorni del Swiss Harley Days – 26th European HOG Rally di Lugano.
Del resto già a partire da pomeriggio di venerdì il lungolago dell’ex-clave è diventato il buen retiro di harleysti arrivati fin qui da tutta la Lombardia, il Veneto, l’Emilia e la Toscana.
Ad organizzare l’evento “Ride&Play” insieme al Casinò Campione d’Italia la concessionaria Harley-Davidson Breva e Tivan, concessionaria per le province di Como, Lecco e Sondrio e il Lario Chapter Como Lake-Italy.
Ieri sera gli harleysti hanno cenato nel salone delle Feste, al nono piano della struttura.Ad accoglierli sul palco alcune tra le Harley più belle incoronate al motoraduno. A ognuno di loro è stato dato un coupon di benvenuto per tentare la fortunata, alle roulette o ai tavoli. L’ennesima sfida, per gente che ama l’avventura come loro, questa volta con la fortuna.

Commenta su Facebook