casino
Print Friendly, PDF & Email

Dopo la casa da gioco di Campione, è il Casinò de la Vallée di Saint-Vincent a essere sull’orlo del baratro finanziario. Il bilancio al 31 dicembre 2017 si è chiuso con una perdita di 21 milioni e 533.737 euro (valore di produzione pari a 63 milioni, costi di produzione pari a 83 milioni, oneri finanziari pari a 1,4 milioni). L’assemblea dei soci (Regione Valle d’Aosta e Comune di Saint-Vincent) esaminerà il documento finanziario il 14 settembre.

“L’analisi dell’origine della perdita d’esercizio – si legge nella relazione del collegio sindacale – porta a considerare che la stessa è generata in parte dall’ancora elevato costo del lavoro (che ha subito un aumento in percentuale del 5,1%, pari a 2,6 mln di euro, passando da 51,6 a 54,2 mln) in particolare se parametrato ai volumi di fatturato”. Il collegio sindacale evidenzia che sull’esercizio 2017 “incidono pesantemente gli accantonamenti obbligatori correlati alla procedura cosiddetta ‘Fornero’“, pari a 12,3 mln, oltre agli “elevati ammortamenti tecnici” e ai “ridotti volumi di fatturato“, questi ultimi con un calo del 3,1% (2 milioni di euro).

Allarme Sindaci, da settembre non più in grado di far fronte ai pagamenti – Sussistono “incertezze significative in tema di continuità aziendale per le forti criticità riferibili alle capacità dell’azienda di far fronte ai pagamenti alle scadenze nel breve/brevissimo termine quanto alla sostenibilità economica della gestione ordinaria e di possibili accadimenti straordinari. Inoltre, con riferimento alla liquidità aziendale “già dal prossimo mese di settembre, in assenza di interventi, la società non sarà più in grado di far fronte ai pagamenti”. Lo scrive il collegio sindacale nella relazione sul bilancio 2017 della Casinò de la Vallée spa.

Sindacati, proprietà ci convochi al più presto – “Alla luce delle recenti notizie non si può più aspettare. La proprietà ci deve convocare al più presto, prima dell’assemblea del 14 settembre. Devono dirci cosa intendono fare per salvare la casa da gioco”. Lo dichiara Claudio Albertinelli, sindacalista del Savt, in merito all’aggravarsi della crisi finanziaria della Casinò de la Vallée spa.

“Quella del 14 settembre è un’assemblea fondamentale, importantissima, non solo per l’azienda ma per tutta la comunità. In questi otto giorni spero si possa lavorare serenamente, il clima che si è creato non aiuta l’attività che viene fatta e non aiuta lo stesso brand”.
Lo ha detto l’assessore regionale alle finanze, Stefano Aggravi, in merito all’approvazione del bilancio del Casinò di Saint-Vincent da parte dell’assemblea dei soci (Regione e Comune di Saint-Vincent).
Relativamente alle proposte avanzate negli ultimi giorni da privati, sottolinea: “Per poter valutare le proposte occorre conoscerle. Il percorso andrebbe considerato a 360 gradi. Di tali iniziative nè la Regione nè l’azienda sanno nulla. Queste sono notizie che non fanno altro che aumentare la tensione, c’è una sorta di schizofrenia che non fa bene al Casinò”.

 

Commenta su Facebook