Il Segretario di Stato Nathanael Liminski (CDU), Segretario di Stato e Capo della Cancelleria di Stato del Nord Reno-Westfalia (CdS) fornisce le prime indicazioni sul testo dell’ultima versione del Trattato Statale sul gioco d’azzardo. 

Il settore dell’apparecchio da intrattenimento tedesco destinatario di una serie di interventi che potrebbero portare ad una riduzione delle slot a vincita limitata attualmente installate. Di questo parla Nathanael Liminski, capo della Cancelleria di Stato del Nord Reno-Westfalia, fornendo una panoramica dello stato attuale dei negoziati sul testo del Trattato la cui adozione è prevista per il 2021.

In una intervista Liminski ricorda che prima di questa data gli stati federali devono trovare possibili compromessi in cinque questioni. Una di queste riguarda l’ industria dell’apparecchio automatico. 

“Il nostro governo statale sta già pensando ad un intervento su questo punto a livello statale che va in questa direzione. I comuni saranno tenuti non solo a ridurre il numero di sale giochi nelle loro misure regolamentari, ma anche a tenere conto delle caratteristiche qualitative delle rispettive case da gioco, come il controllo di accesso o altre misure per garantire la protezione dei minori”.

Circa la possibilità che nel 2021 si arrivi ad un Trattato Interstatale Liminski è piuttosto cauto. “Dobbiamo discutere questo argomento da zero e, ovviamente, tener conto delle esperienze dello Schleswig-Holstein (l’unico stato con una normativa sull’online ndr). Finora, non esiste un accordo tra tutti i paesi per regolamentare il gioco d’azzardo online. Il cosiddetto modello opt-in / opt-out potrebbe essere una soluzione. In tal caso, nonostante l’adozione di un trattato sul gioco d’azzardo concordato, i Länder avrebbero l’opportunità di decidere autonomamente se consentire la regolamentazione del mercato online o continuare a vietarlo. Tuttavia, la loro scelta non sarebbe vincolanti per sempre, quindi potrebbero optare per la licenza per il mercato online in un secondo momento”, conclude Liminski.

Commenta su Facebook