La chiusura delle sale slot e vlt sull’intero territorio nazionale come misura di contrasto alla diffusione del Coronavirus sta avendo un forte impatto sul comparto non solo in termini di mancati incassi.

In queste ore molte aziende di gestione stanno verificando la reale possibilità di proseguire nell’attività di assistenza agli esercizi dove è ancora consentito il funzionamento degli apparecchi da intrattenimento. Stiamo parlando di bar e esercizi commerciali all’interno della zona ‘rossa’ dove sono consentite le attività di ristorazione e bar dalle 6,00 alle 18.00, con obbligo, a carico del gestore, di predisporre le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. La limitazione degli spostamenti prevista dallo stesso decreto e gli orari di chiusura imposti rendono estremamente difficile l’attività di assistenza tecnica. Praticamente azzerata invece quella di raccolta sulle videolotterie.

Non risulta agevole nemmeno l’accesso negli altri bar del territorio nazionale  dove è consentito lo svolgimento delle attività di ristorazione e bar, con obbligo, a carico del gestore, di far rispettare la distanza di sicurezza interpersonale.