A seguito di attività info-investigativa circa la presenza di una sala giochi abusiva, agenti della Squadra Amministrativa della Divisione di Polizia Amministrativa della Questura di Catania, nella mattinata di ieri, sono intervenuti per effettuare i relativi accertamenti.

Sul posto, i poliziotti hanno riscontrato l’effettiva presenza di una sala giochi al cui interno erano stati installati e resi funzionanti 3 apparecchi videoterminali del tipo “Totem” idonei a consentire il gioco con vincite in denaro. Tutte le apparecchiature non sono risultate rispondenti alle caratteristiche di legge (in particolare quelle previste dai co. 6 e 7 dell’art. 110 TULPS). Pertanto, sono state comminate al titolare dell’esercizio un totale di 3 sanzioni amministrative per un ammontare di 30.000 euro. Le apparecchiature irregolari sono state sequestrate.

Inoltre, al medesimo titolare è stata anche contestata la violazione delle norme antiCovid contenute nel vigente DPCM che non consente l’apertura di detti esercizi.

Detta infrazione era stata già contestata nei confronti del predetto a seguito di un controllo effettuato dalla Polizia Locale nel mese di gennaio e, pertanto, ieri, si è contestata anche la recidiva che comporta l’aumento della sanzione a 800,00 euro e nuovamente l’applicazione della misura accessoria della chiusura per giorni 5.